Sindrome del tunnel carpale

Si tratta di una patologia estremamente frequente nella popolazione adulta, con maggiore interessamento del sesso femminile; la causa del processo infiammatorio a carico del nervo mediano è la compressione esercitata su di esso, all’interno del canale carpale, dai tendini flessori quadro ingrossati per via dei fenomeni di overuse.
I sintomi possono essere: formicolii e dolore crampiforme estesi dalla mano fino all’avambraccio, con peggioramento durante la notte, nonchè diminuzione della forza di presa e della sensibilità delle prime tre dita della mano. Le cause di questa malattia non sono ancora completamente note, ma la ripetuta esecuzione di attività di presa o carico con la mano rende i tendini flessori più suscettibili ad un processo di infiammazione cronica e conseguente aumento del loro volume. Per diagnosticare la sindrome del canale carpale è utile eseguire l’esame elettromiografico, che costituisce l’unica indagine strumentale attendibile.
Il trattamento è rappresentato, nelle forme iniziali, dalla terapia conservativa con l’utilizzo di un tutore di scarico della muscolatura flessoria, da impiegare soprattutto durante le ore notturne, ma spesso il miglioramento della sintomatologia non è completo. Il trattamento risolutivo è l’intervento chirurgico di decompressione del nervo, che generalmente viene eseguito in anestesia locale in regime di Day Hospital. L’intervento, che dura circa 10 minuti, comporta una piccola incisione cutanea al palmo ed una medicazione da mantenere per circa 10 giorni; le ultime innovazioni tecnologiche permettono di eseguire la procedura chirurgica con tecnica endoscopica mediante una minincisione al polso e senza altre cicatrici al palmo della mano, tecnica adottata in molti centri avanzati di chirurgia della mano.
La mobilizzazione della mano dopo l’intervento è immediata. La fisioterapia, attraverso semplici esercizi da eseguire dapprima in presenza del fisioterapista e poi da soli durante la giornata, rappresenta parte integrante del trattamento e consente di utilizzare da subito la mano per le normali attività quotidiane e di riprendere l’attività lavorativa in poco tempo.